Sei qui: Progetto REACT 3

Progetto REACT 3

REACT 3: è iniziata la terza fase di progetto

Dimensione caratteri

 

L’Associazione REACT avvia una proficua collaborazione con la SUPSI per dare continuità al progetto REACT. 

Il progetto evolutivo REACT 3, sostenuto dall' Ufficio fondi Swisslos e Sport-Toto del Cantone Ticino, fondazione Leonardo, Provvida Madre, OTAF, Centro di risorse didattiche e digitali del Cantone Ticino e dalla SUPSI, vuole valorizzare e dare continuità all’importante lavoro svolto nel corso degli anni sviluppando nuove applicazioni che andranno a perfezionare quelle esistenti, mantenendo il passo con le nuove tecnologie e offrendo nuove funzionalità richieste dagli utilizzatori fra cui terapisti ed esperti di pedagogia.

Link:

Articolo "La tecnologia per bambini con disabilità", Azione

 

 

Attraverso la terza fase del progetto, l’associazione REACT intende ottenere i seguenti obiettivi:

 

  • eseguire la necessaria manutenzione e aggiornamenti dei software e degli hardware sviluppati nei progetti precedenti, in modo da garantire agli utenti una continuità di funzionamento e offrire nuove funzionalità richieste dagli utilizzatori (terapisti, esperti di pedagogia, docenti e allievi);

  • definire e collaudare delle pratiche per la manutenzione dei programmi e delle istallazioni;

  • pensando al futuro, mantenere il passo con le tecnologie e i dispositivi (si pensi a titolo d’esempio all’utilizzo del tablet al posto del pc), in modo da poter garantire un futuro a queste tecnologie, evitando che diventino obsolete;

  • ricercare fra le nuove tecnologie emergenti,  quelle in grado di offrire nuove soluzioni, che potrebbero rendere ancora più efficaci le tecnologie applicate nel progetto REACT;

  • creare un team di docenti e ricercatori all’interno della SUPSI in grado di dare continuità alle attività sviluppate in ambito pedagogico e in ambito ingegneristico;

  • estendere le collaborazioni anche ad altre sedi e realtà a livello cantonale e pure nazionale, con l’intento di valorizzare e ampliare l’esperienza maturata con la Fondazione Provvida Madre e l’Aula REACT.  A tale obiettivo si aggiunge inoltre la volontà di creare reti di conoscenza fra le persone attive nel settore della ricerca, come pure in ambito educativo;

  • creare i presupposti per assicurare un programma di formazione continua per gli educatori attivi in questo ambito;

  • implementare sul territorio cantonale almeno una seconda aula speciale attrezzata come l’Aula REACT al Palasio di Giubiasco;

  • aver definito le modalità per sviluppare e garantire in modo durevole la propria attività acquisendo annualmente i fondi necessari, per garantire la continuità nelle operazioni di manutenzione, sviluppo e ricerca.